Le migliori squadre italiane di cricket

Seppure poco praticato dalle masse, la scena del cricket italiano è movimentata da alcune ottime compagini, variamente dislocate sul territorio nazionale.

La squadra più longeva è il Capannelle Cricket Club, il cui pitch è ospitato presso l’ippodromo romano con lo stesso nome: fondata nel 1978, si chiamava originariamente “Doria Pamphili Cricket Club”, dal nome del parco oggi pubblico dove si tenevano le sue partite.

La “Juventus” del cricket

Nonostante sia una delle squadre più importanti d’Italia, il RCCC non è la più titolata: questo primato spetta al Pianoro, squadra del piccolo centro fuori Bologna, che si è aggiudicata ben 15 titoli nazionali e 6 Coppe Italia, con un record di cinque scudetti consecutivi fra 2005 e 2010.

Altri team prestigiosi si trovano a Ispra, in provincia di Varese (l’Euratom si è aggiudicata 4 scudetti nelle prime 4 edizioni del campionato di serie A), a Cesena, a Milano: la squadra del Kingsgrove, nonostante la giovanissima età (è stata fondata nel 2010) si è aggiudicata 4 titoli nazionali. Un altro club sicuramente da citare è il Trentino Cricket Club, con sede a Trento, vincitore di 3 titoli nazionali, di una Coppa Italia e di un campionato under 15, e tutto in meno di dieci anni.

Storie a lieto fine… e non

Un paio di menzioni speciali le meritano delle squadre che seppur non titolate hanno fatto molto parlare di sé: il Latina Lanka e il Janjua Brescia già dal nome ci raccontano una storia di completa integrazione di giocatori italiani e di origine asiatica. Una non-notizia rispetto a quanto succede in altri sport assai più visibili.

Triste è invece la parabola di una squadra proveniente da un piccolo centro del Lazio, il Gallicano: vincitore a sorpresa dello scudetto nell’anno 2005, non è riuscito a trovare sponsor importanti e da alcuni anni non esiste più.